• Black Instagram Icon

© 2019 Lia Orfei | Candidata al Parlamento europeo circoscrizione Nord-Ovest (Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta)

Chi sono

Ho 44 anni, sono cresciuta in provincia di Roma e ora, dopo molti anni all’estero tra Lussemburgo, Regno Unito e Brasile, da “cervello in fuga” sono tornata in Italia circa 10 anni fa per lavorare per il Centro Comune di Ricerca con sede a Ispra (VA). Ora vivo a Milano con mio marito e la nostra cagnolina Tina.

Mi occupo di statistica, analisi dati e formazione; sono una libera professionista, e mi divido tra ricerca, consulenze e docenze. Parlo fluentemente inglese, e conosco anche abbastanza bene il francese e il portoghese.

Nel tempo libero, presto servizio come volontaria dell’AVO (Associazione Volontari Ospedalieri), studio canto e teatro, mi sbizzarrisco tra i fornelli e mi prendo cura delle tante piante che mi piace avere in casa: il mio pollice non è verdissimo ma faccio del mio meglio!

E’ la prima volta che mi candido: ho un profilo molto più tecnico che politico ma, come molti della mia età, sono figlia di questa Europa unita, che mi ha dato moltissime opportunità di studio e di lavoro, oltre che di viaggiare, imparare lingue e coltivare amicizie senza confini.

L’Europa è la mia casa, e sento il dovere di mettere a disposizione le mie competenze per la difesa e il progresso di questa istituzione, perché tutti abbiano le stesse opportunità che ho avuto io: la libertà di scegliere.

Il mio slogan

L’Unione fa la forza: questo semplice concetto racchiude tutto ciò che l’Europa significa per me.

Unione di intenti e di visioni per un ambiente, un’economia e un apparato sociale più coesi e più vicini alle persone. Forza di un continente che deve diventare una vera Federazione per avere lo stesso peso politico ed economico degli altri protagonisti mondiali: pensiamo a Cina e USA.

Non possiamo disperdere le forze in inutili e antiquati sovranismi: l’Europa ha bisogno di noi tanto quanto noi abbiamo bisogno dell’Europa.  

Io ho beneficiato dell’essere in Europa andando a studiare e a lavorare in altri paesi; adesso sono una libera professionista, e mi divido tra ricerca, consulenze e docenze.

 

Ma più Europa significa anche avere più opportunità in Italia, utilizzando oculatamente i fondi e i programmi, sentendoci parte di un insieme che ci offre protezione, aiuto e sostegno.